Notizie recenti

| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | |
Home Attualità Mondo Corea del Sud: i cittadini votano per divieto di produzione e vendita di carne di cane

Corea del Sud: i cittadini votano per divieto di produzione e vendita di carne di cane

Nelle ultime ore, il Parlamento della Corea del Sud ha votato per vietare la produzione e la vendita di carne di cane. Una decisione che gli attivisti hanno riconosciuto come una “vittoria storica” per il benessere degli animali.

Dopo anni di pressioni, oggi l’Assemblea Nazionale del Paese ha votato a stragrande maggioranza per vietare l’allevamento, la macellazione, la distribuzione e la vendita di cani per la loro carne.

Tuttavia, la legge non criminalizza il consumo di questi animali. Nonostante questo, le misure porranno effettivamente fine a tale pratica, da molti ritenuta appartenente a un’epoca ormai lontana, quando la carne di cane (anche se in realtà fino a non troppo tempo fa) veniva servita come parte di uno stufato per renderla più tenera, come rimedio alla stanchezza durante le calde estati.

Già da tempo, gli attivisti considerano l’industria crudele, con cani fulminati o impiccati quando vengono macellati per la loro carne e i commercianti, che a novembre hanno minacciato di sguinzagliare due milioni di cani vicino all’ufficio presidenziale di Seoul per protestare contro il divieto previsto, affermano di aver reso il processo di macellazione più umano.

Il divieto, approvato con 208 voti a favore e due astensioni, entrerà in vigore nel 2027 dopo un periodo di tolleranza di tre anni.

I trasgressori rischiano fino a tre anni di carcere o una multa massima di trenta milioni di won (17.900 sterline).

Inoltre, secondo quanto riportato dai media locali, la legge prevederebbe pacchetti di compensazione per aiutare le imprese a uscire dal settore.

JungAh Chae, direttore esecutivo della Humane Society International/Korea, ha dichiarato: “Non avrei mai pensato di vedere nella mia vita un divieto della crudele industria della carne di cane in Corea del Sud, ma questa storica vittoria per gli animali testimonia la passione e la determinazione del nostro movimento per la protezione degli animali”.

“Abbiamo raggiunto un punto di svolta, in cui la maggior parte dei cittadini coreani rifiuta di mangiare cani e vuole vedere questa sofferenza consegnata ai libri di storia. Oggi, i nostri politici hanno agito in modo decisivo per renderla realtà – ha aggiunto Chae – Sebbene il mio cuore si spezzi per tutti i milioni di cani per i quali questo cambiamento è arrivato troppo tardi, sono felicissimo che la Corea del Sud possa ora chiudere questo miserabile capitolo della nostra storia e abbracciare un futuro a misura di cane”.

Il movimento per rendere illegale la vendita di carne di cane ha preso il via sotto dal Presidente della Corea del Sud Yoon Suk-yeol, amante degli animali che ha adottato diversi cani e gatti insieme alla moglie Kim Keon-hee, che ha anche lanciato forti critiche alle industrie di questo tipo.

Qualche dato

Otto persone su dieci, infatti, sono favorevoli a vietare legalmente l’allevamento, la macellazione e la vendita di cani per il consumo umano. Si tratta di un aumento di 9,5 punti percentuali rispetto all’anno precedente.

Secondo i risultati del sondaggio “2023 Public Perception Survey on Dog Food”, pubblicato questa settimana dall’Animal Welfare Issues Research Institute (AWARE), l’82,3% degli intervistati è favorevole a un divieto legale del cibo per cani e il 94,5% ha dichiarato di non aver mangiato carne di cane nell’ultimo anno.

Questo sondaggio è stato commissionato dall’AWARE alla società di sondaggi Korea Research International e condotto su un panel online di due mila tra uomini e donne adulti in tutto il Paese dal 12 dicembre al 17 dicembre dello scorso anno.

Quando è stato chiesto agli intervistati il perché non avessero mangiato carne di cane nell’ultimo anno, la risposta più comune, che ha registrato un dato del 53,5%, è stata “per rifiuto emotivo”, seguita da “crudeltà nell’allevamento e nella macellazione” (18,4%), “produzione e distribuzione non igienica” (8,8%), “opinioni negative da parte di amici e società” (7,1%), “insapore” (5,0%) e “non salutare” (3,9%).

Secondo AWARE, dai risultati del sondaggio è stato possibile dedurre che molte persone “non percepiscono i cani come cibo, ma sempre di più come animali domestici”.

Alla domanda sulla loro intenzione di mangiare carne di cane in futuro, il 93,4% degli intervistati ha risposto “no”, portando a un aumento di 4,8 punti percentuali rispetto all’88,6% del sondaggio del 2022.

Il sostegno a un divieto legale del cibo per cani è stato di 3,24 su 4, con l’82,3% di favorevoli.

Si tratta di un aumento di 9,5 punti percentuali rispetto all’82,3% dell’ultimo sondaggio del 2022. Anche la percentuale di intervistati fortemente d’accordo (45,5%) è aumentata di 3,5 punti percentuali rispetto all’anno precedente (42,0%).

Oltre a ciò, il 56,4% degli intervistati sarebbe a conoscenza del fatto che la legge sull’igiene alimentare vieta la lavorazione, la cottura, il trasporto e l’esposizione di “carne di cane” per la vendita o per la vendita come alimento o additivo alimentare, con un aumento di 15,9 punti percentuali rispetto all’anno precedente (40,5%).

Alla domanda se fossero a conoscenza del fatto che gli allevamenti di cani alimentano rifiuti alimentari, il 48,7% ha risposto di esserne a conoscenza, portando dunque a un aumento di 7,3 punti percentuali rispetto all’anno precedente.

I risultati del sondaggio hanno, infine, dimostrato che gli intervistati ritengono che affrontare la questione dei cani come alimento per gli umani ridurrebbe la sofferenza degli animali e migliorerebbe il loro benessere nella società nel suo complesso.

Infatti, quando è stato chiesto cosa ci si aspetterebbe se l’allevamento, la macellazione e la vendita di cani per il consumo umano fossero vietati, gli intervistati hanno risposto che “meno cani soffrirebbero” (60,9%), “la percezione della società nei confronti degli animali migliorerebbe” (57,2%), “i conflitti sociali legati al consumo di cani diminuirebbero” (45,3%), “l’immagine del Paese nella comunità internazionale migliorerebbe” (39,8%) e “la salute pubblica ne beneficerebbe” (22,3%).

Secondo Lee Hyung-joo, amministratore delegato di AWARE, i risultati di questo sondaggio dimostrano che i cittadini coreani chiedono che “Il problema del consumo di cani venga affrontato attraverso una legge”.

“L’Assemblea nazionale dovrebbe approvare questa legge speciale per vietare il consumo di cani e il Governo dovrebbe fare il primo passo per rafforzare il benessere degli animali attuando un processo rapido e sicuro per porre fine al consumo di cani”.

Flavia De Michetti

Fuori dal Silenzio

SatiQweb

dott. berardi domenico specialista in oculistica pubblicità

Condividi

Condivi questo Articolo!