Notizie recenti

| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | |
Home Attualità Mondo Il Sudafrica chiede alla Corte Internazionale di Giustizia di dichiarare illegale l’occupazione israeliana

Il Sudafrica chiede alla Corte Internazionale di Giustizia di dichiarare illegale l’occupazione israeliana

Nella giornata di ieri, il Sudafrica ha sollecitato la CIG – Corte Internazionale di Giustizia a emettere un parere legale non vincolante secondo cui l’occupazione israeliana dei territori palestinesi è illegale, ritenendo che questa mossa aiuterebbe gli sforzi impegnati al raggiungimento di un accordo.

I rappresentanti del Paese hanno aperto il secondo giorno di udienze presso la Corte Internazionale di Giustizia, nota anche come Corte Mondiale, a L’Aia (Paesi Bassi).

L’udienza fa seguito alla richiesta dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite di un parere consultivo non vincolante sull’occupazione nel 2022.

Più di cinquanta Stati presenteranno le loro argomentazioni fino alla fine di questo mese.

Nelle ultime ore, i rappresentanti palestinesi hanno chiesto alla più alta Corte delle Nazioni Unite di dichiarare illegale l’occupazione israeliana del loro territorio, affermando anche che “Il parere consultivo della Corte potrebbe contribuire alla soluzione dei due Stati e a una pace duratura”.

Nel frattempo, Israele non partecipa alle udienze, ma ha inviato una dichiarazione scritta, affermando che “Un parere consultivo sarebbe dannoso per il raggiungimento di una soluzione negoziale con i palestinesi”.

“Una chiara caratterizzazione legale della natura del regime di Israele sul popolo palestinese può solo aiutare a porre rimedio al ritardo in corso – ha dichiarato ai giudici Vusimuzi Madonsela, Ambasciatore del Sudafrica nei Paesi Bassi – e a raggiungere una giusta soluzione. Noi sudafricani percepiamo, vediamo, ascoltiamo e sentiamo nel profondo che le politiche e le pratiche disumane e discriminatorie del regime israeliano sono una forma ancora più estrema di apartheid che è stata istituzionalizzata contro i neri nel mio Paese”.

Dunque, al gruppo di quindici giudici della Corte Internazionale di Giustizia è stato chiesto di esaminare “L’occupazione, l’insediamento e l’annessione di Israele, comprese le misure volte ad alterare la composizione demografica, il carattere e lo status della Città Santa di Gerusalemme, e dall’adozione di leggi e misure discriminatorie correlate”.

Secondo alcune previsioni, i giudici potrebbero impiegare circa sei mesi per emettere un parere sulla richiesta, che chiede inoltre di considerare lo status legale dell’occupazione e le sue conseguenze.

Israele, nel frattempo, ha negato tutte le accuse di genocidio e ha chiesto alla Corte di respingere completamente il caso, affermando che è privo di fondamento e, ei giorni scorsi, il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha dichiarato con una nota che “Israele non riconosce la legittimità delle discussioni presso la Corte Internazionale di Giustizia. Il caso è parte del tentativo palestinese di dettare i risultati dell’accordo politico senza negoziati”.

Il Sudafrica ha una lunga storia di sostegno ai palestinesi.

Il suo partito di Governo, l’African National Congress (il più importante partito politico sudafricano, protagonista della lotta all’apartheid e rimasto ininterrottamente al Governo del Paese dalla caduta di tale regime, nel 1994, fino a oggi), ha a lungo paragonato le politiche di Israele a Gaza e in Cisgiordania alla propria storia sotto il regime di segregazionismo, che ha limitato la maggior parte dei neri in “terre d’origine” prima di terminare nel 1994.

Tali circostanze hanno fatto sì che il Sudafrica lanciasse un caso separato presso la Corte Internazionale di Giustizia, accusando Israele di genocidio nell’assalto a Gaza che ha seguito gli attacchi mortali di Hamas a ottobre nel sud di Israele.

Durante le udienze di gennaio, Israele ha respinto con forza l’accusa.

Il consulente legale israeliano Tal Becker ha affermato che “Il Paese sta combattendo una guerra che non ha iniziato e non ha voluto”.

Una sentenza definitiva in questo caso è probabilmente lontana anni, ma la corte ha emesso un ordine preliminare che chiede a Israele di fare tutto il possibile per prevenire morte, distruzione e qualsiasi atto di genocidio nella sua guerra a Gaza.

Flavia De Michetti

Fuori dal Silenzio

SatiQweb

dott. berardi domenico specialista in oculistica pubblicità

Condividi

Condivi questo Articolo!