Processing

Se credi nella libera informazione, puoi!

  • EUR *

Se credi nella libera informazione, puoi!

Home » Costume e società » L’occidente aspetta Odoacre…ma è già arrivato

L’occidente aspetta Odoacre…ma è già arrivato

da | Gen 2, 2023 | Costume e società

Odoacre (433 d.C. – 493 d.C.) era il Re del popolo barbaro degli Eruli che, nel 476 d.C., depone a Ravenna l’ultimo imperatore romano della Pars Occidentis, ossia Romolo Augustolo.

Al di là della data convenzionale e del fatto che, nella parte occidentale dell’Impero romano, l’autorità imperiale era cessata già da tempo, è innegabile che, oggi, l’Europa stia vivendo una fase di decadenza continua.

“Odoacre” è già arrivato, ma non ce ne siamo accorti fino in fondo.

Oswald Spengler (1880-1936), nella sua celebre opera in lingua tedesca, “Il tramonto dell’Occidente.

Lineamenti di una morfologia della storia mondiale” del 1923 (anno di pubblicazione dei due volumi), sottolinea con lucida drammaticità come l’ultimo periodo della civiltà occidentale sia caratterizzato dal dominio del denaro e della stampa, intellettualmente arido e politicamente fragile, che resiste alla sua fine solo per mezzo del cambiamento continuo di modelli di riferimento, ma comunque sempre privo di speranza e di tensione verso il vero.

In altre parole, viviamo in un Occidente che odia e vuole uccidere sé stesso.

A questo modello va contrapposta una ragione forte, un logos, in grado di scoprire nell’ordine naturale la partecipazione della lex aeterna nella creatura razionale.

Prof. Daniele Trabucco – Costituzionalista

In collaborazione con: www.gazzettadellemlia.it  

Contenuti correlati

Condividi

Condivi questo Articolo!