Processing

Se credi nella libera informazione, puoi!

  • EUR *

Se credi nella libera informazione, puoi!

Home » Costume e società » Varsavia abolisce il Capodanno 2023 per i residenti

Varsavia abolisce il Capodanno 2023 per i residenti

da | Dic 31, 2022 | Costume e società

Sembra che Varsavia abbia ormai preso l’abitudine di non festeggiare l’anno nuovo.

Precedentemente, infatti, la capitale polacca aveva annullato le celebrazioni a causa della pandemia.

Quest’anno, invece, le cause principali sono la guerra tra Russia e Ucraina e motivi finanziari.

Lo spiega la Portavoce del Municipio di Varsavia, Monica Beut, su Tvn24 e dichiara: “Quest’anno non offriamo nulla ai residenti di Varsavia per il nuovo anno. Sfortunatamente, questa è già una tale tradizione, perché durante la pandemia, la notte di Capodanno non ha avuto luogo. Abbiamo una crisi energetica, quindi le nostre riduzioni dei costi riguardano principalmente l’intrattenimento. Ora non possiamo permetterci tali spese, quindi dobbiamo trascorrere Capodanno da soli”.

I cittadini della capitale sono, dunque, disposti a rinunciare ai pochi minuti di giochi pirotecnici e forti esplosioni a favore degli animali e come forma di rispetto nei confronti degli ucraini che ospitano (circa 100 mila), in particolare i bambini, profondamente scocci e traumatizzati dalla guerra che sta devastando il loro Paese.

Questa attrazione di pochi minuti per le persone non vale le molte ore di trauma animale. È un enorme stress per loro. Gli animali hanno sensi più acuti, in particolare il senso dell’udito e una percezione completamente diversa. Durante le esplosioni di fuochi d’artificio e petardi, si fanno prendere dal panico e cercano di trovare un posto sicuro, tranquillo e pacifico”, queste le parole del Presidente del Comitato per la Protezione Ambientale Renata Niewitecka.

La Polonia possiede un repertorio ricco di tradizioni, cibi e usanze per festeggiare il nuovo anno, auspicando che porti fortuna, salute e prosperità.

Nonostante ciò, quest’anno non sembra avere l’atmosfera giusta per i festeggiamenti, ritenuti inopportuni dalle Istituzioni locali.

L’invito, dunque, è quello di non sparare botti, né prima, né dopo, né il giorno stesso di Capodanno.

Flavia De Michetti

Contenuti correlati

Condividi

Condivi questo Articolo!