Se credi nella libera informazione, puoi!

Home » Economia » Cereali e dintorni. Roulette russa

Cereali e dintorni. Roulette russa

da | Set 9, 2022 | Economia

Mercati sensibili a ogni esternazione dei politici. Ieri Putin ha contestato i canali umanitari, che tanto umanitari non sembrano essere e così i cereali sono andati in fibrillazione.

Ieri le esternazioni di Putin hanno movimentato il mercato incendiando il grano a fronte della minaccia di chiudere i canali umanitari, perché umanitari non sono, in sunto: “ha contestato che i cereali ucraini sono stati esportati nei paesi UE e ad altre nazioni occidentali non alle nazioni povere dell’Africa e del Sud Est Asiatico”, alla luce di tutto ciò, Putin vuole una revisione del patto per l’istituzione di “Veri” Corridoi Umanitari. 

Immediatamente il mercato si è gonfiato specie il grano che aveva raggiunto 52 punti di aumento per poi ridimensionarsi in chiusura.

E così è partita la “ROULETTE RUSSA”… con le conseguenze di vedere inchiodati i mercati: se si cerca merce sui futuri non si trovano i venditori, se si offre merce sul pronto non si trovano i compratori. 

Come nei migliori film nessuno vuole premere il grilletto, e si passa al successivo! 

Purtroppo, sino a che avremo una guerra e una centrale nucleare “critica”, la situazione resterà ondivaga. 

In questa situazione restare corti di merce è molto più pericoloso piuttosto che al contrario averne un poco di più posto che i crolli di mercato all’orizzonte sembra non ce ne saranno. 

Consideriamo anche la Cina che se dovesse mantenere il rallentamento sino ad ora mostrato, le scorte mondiali potranno solo aumentare e andando avanti i cali dei consumi si faranno sentire portando, solo a lungo termine, un effetto calmierante 

Purtroppo, invece a breve, medio termine forse il “Generale Inverno” ci farà soffrire, sotto vari aspetti: clima, energia, portafoglio e logistica che zoppica sempre di più. 

INDICI INTERNAZIONALI 1 settembre 2022

L’indice dei noli B.D.Y. è salito a 1.133 punti, il petrolio wti è sceso a circa 83 $ al barile, e il cambio gira a 0,99592 ore 15,52

Mario Boggini e Virgilio in collaborazione con: www.gazzettadellemilia.it

Intervista Boggini sulla situazione delle materie prime e delle conseguenze della Guerra in Ucraina: https://www.ruminantia.it/ucraina-disponibilita-e-prezzi-delle-materie-prime-le-considerazioni-di-mario-boggini/

Vi segnaliamo 3 link interessanti https://youtu.be/dwj32baom5A 

YT – https://youtu.be/Gydsyq4BryM 

Ruminantia – https://www.ruminantia.it/la-tempesta-perfetta-del-mercato-delle-materie-prime-cosa-emeglio-fare-2/

Visitando il nostro sito Internet o cercandoci su Facebook (cliccando mi piace O.C.C) troverete dei tachimetri d’indicazione commerciale

Contenuti correlati

Condividi

Condivi questo Articolo!