Se credi nella libera informazione, puoi!

Home » Politica » L’assordante silenzio di Mario Draghi

L’assordante silenzio di Mario Draghi

da | Nov 23, 2021 | Politica

Sabato scorso, 20 novembre, ci sono state le ennesime manifestazioni di protesta contro il green pass in tante città italiane, tra le quali: Roma, Milano, Torino, Bologna, Trento, Trieste, Udine. Alla manifestazione di Roma, presso il Circo Massimo, hanno partecipato migliaia di persone, dal pomeriggio fino a sera.

Dopo cinque mesi di proteste contro il certificato verde, il presidente Draghi non ha proferito parola. Perché? Si comprende che il premier voglia governare dal palazzo a colpi di bacchettate, forse ritiene di avere a che fare ancora con l’euro oppure lo spread? Draghi non ha compreso i segnali di una gran parte della Nazione. Non ha compreso che gli Italiani fanno finta di fare i “pecoroni” fino a quando decidono di reagire. In tal senso ricordiamo che, fin dall’Impero romano alla storia più recente, gli invasori del nostro Paese sono sempre stati sconfitti, “in nome del popolo italiano”. 

Governare un Paese è ben diverso dal gestire dalla stanza dei bottoni la Banca d’Italia o la BCE. Il ‘popolo’ non è un’entità astratta, è composto da esseri viventi che vanno tutelati secondo i diritti inviolabili sanciti dalla Costituzione.

Far finta di non recepire i segnali, inasprendo ancor più la situazione con il “Super green pass”, probabilmente porterà ad un aumento dei “movimenti sussultori” poco graditi al ministro Luciana Lamorgese. 

Antonella Di Luzio

Contenuti correlati

Condividi

Condivi questo Articolo!