Notizie recenti

| | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | |
Home Cultura Cultura e società Diritti civili e astrazioni: il trionfo del soggettivismo filosofico

Diritti civili e astrazioni: il trionfo del soggettivismo filosofico

manifestazione per i diritti civili lgbtq+

Diritti civili e astrazioni: Le manifestazioni a sostegno dei diritti Lgbtq+, le discussioni sulla maternità surrogata, vietata in Italia dalla legge ordinaria dello Stato n. 40/2004 ma ammessa all’estero (Canada, Ucraina), le teorie gender etc. sono il frutto del soggettivismo filosofico che da Cartesio (1596/1650) arriva fino ai giorni nostri.

Non comprendere i presupposti teoretici che le sostengono, significa cedere alle ideologie delle sinistre globaliste e progressiste.

Nel c.d. centro/destra manca, infatti, una seria cultura filosofica idonea a rispondere punto su punto al “traffico insaziabile” dei diritti. Ci si limita a dichiarazioni di principio banali e vuote per non essere tacciati di discriminazione, di fascismo, di oscurantismo etc.

Perché si è giunti a tutto questo?

Il primo passo è stato l’autosufficienza del pensiero dal reale: non c’è più, con il cogito cartesiano, l’identità tra pensiero ed essere, poiché quest’ultimo, pur mantenendo una consistenza oggettiva, viene ridotto a “idea” non nel senso platonico del termine, bensì quale rappresentazione della realtà.

Sarà, poi, con Kant (1724/1804) e con il criticismo che si afferma l’inconoscibilità del “noumeno”, della reale in sé, e la conoscibilità del solo “fenomeno”, ossia (per dirla con Abbagnano) ciò che appare in relazione al soggetto conoscente e alle sue forme a priori e categorie.

Detto diversamente, l’autonomia senza limitazioni che Kant conferisce al soggetto è degenerata nella elevazione della coscienza individuale a sorgente assoluta (senza vincoli e limiti) della propria legge e del proprio comportamento che si elevano a “giudici totalitari” laddove bollano come discriminatoria ogni posizione che vi si oppone.

Il soggettivismo con pretese universalistiche, che trae la sua origine nel luteranesimo e nel protestantesimo liberale venendo poi alimentato dalla Rivoluzione francese, non solo conduce ad ordinamenti costituzionali laicistici, ispirati all’indifferentismo (un’ideologia a sua volta imposta), ma pone le premesse per la graduale formazione di “masse astoriche”, pronte a marciare per rivendicare pseudo/diritti, o meglio astrazioni che solo il sistema normativo geometrico/legale è in grado di conferire loro sulla base di una concezione errata di natura ridotta a naturalismo.

Tutto, allora, deve essere ricondotto nella sintesi dei contrari, quale momento della dialettica hegeliana, per tendere all’uniformità e all’omologazione.

La Verità non esiste più, si fa nella storia, è relativa, anche se una verità con queste caratteristiche è una non/verità.

Il Papa san Pio X, pontefice dal 1903 al 1914, nella nota Lettera Enciclica “Pascendi Dominici gregis” dell’08 settembre 1907 mette in guardia dal pericolo del primato del divenire sull’essere e sui suoi fini con la conseguenza di ridurre la ragione a strumento secondario rispetto all’appetito, all’istinto e all’emotività.

O meglio strumento secondario rispetto…. ai colori…

Prof. Daniele Trabuco – Costituzionalista

In collaborazione con: www.gazzettadellemilia.it

Fuori dal Silenzio

SatiQweb

dott. berardi domenico specialista in oculistica pubblicità

Condividi

Condivi questo Articolo!