Se credi nella libera informazione, puoi!

Home » Attualità » Bibbiano, Processo affidi. Chiesto di anticipare l’udienza del 16 dicembre

Bibbiano, Processo affidi. Chiesto di anticipare l’udienza del 16 dicembre

da | Lug 5, 2022 | Attualità

Quattordici avvocati di parte civile hanno vergato un’istanza al presidente della Corte di appello di Bologna, Oliviero Drigani, e alla presidente del Tribunale reggiano Cristina Beretti dopo il rinvio stabilito dal tribunale di Reggio Emilia per andare avanti nel processo sugli affidi in Val d’Enza; decidendo di procrastinare il dibattimento, questo è il senso dell’istanza, si è deciso di rendere eccessivamente lungo l’iter processuale.

Per tale ragione la seconda udienza, fissata al 16 dicembre, deve essere anticipata.

Si reputa necessario un calendario serrato per poter gestire un’istruttoria che prevede un centinaio di testimonianze.

L’obiettivo è dunque quello di celebrare il processo in tempi ragionevoli e scongiurare il pericolo che alcuni dei reati possano finire in prescrizione, vanificando le legittime aspettative di giustizia della collettività “profondamente colpita dalle vicende oggetto del procedimento”.

Il processo, sui presunti affidi illeciti, vede quasi una ventina di imputati, per la precisione 17, tra i quali l’ex primo cittadino di Bibbiano, Andrea Carletti, si trova ancora alle questioni preliminari Graziano Francesco, dopo la prima udienza dei primi di giugno.

I legali di parte civile hanno fatto richiesta di considerare “la straordinarietà della situazione e la peculiarità del processo in corso di svolgimento” e di prendere in valutazione provvedimenti organizzativi per procedere ad un’anticipazione dell’udienza che sia congrua.

Va ricordato, infine, che due dei tre giudici del collegio verranno trasferiti ad altri uffici e che di conseguenza il tribunale potrà mutare composizione, creando altri stop: si chiede quindi di disporre un’applicazione temporanea dei due magistrati o, in alternativa, costituire un altro collegio, pure quello temporaneo.

Graziano Francesco in collaborazione con: www.gazzettadellemilia.it 

Contenuti correlati

Condividi

Condivi questo Articolo!