Processing

Se credi nella libera informazione, puoi!

  • EUR *

Se credi nella libera informazione, puoi!

Home » Attualità » L’IDF demolisce la casa di Eslam Froukh, terrorista accusato di attentati mortali alla fermata dell’autobus di Gerusalemme

L’IDF demolisce la casa di Eslam Froukh, terrorista accusato di attentati mortali alla fermata dell’autobus di Gerusalemme

da | Giu 10, 2023 | Attualità, Mondo

Oggi, le Forze di Difesa israeliane (IDF) hanno raso al suolo la casa di Ramallah di proprietà di un terrorista palestinese, Eslam Froukh, accusato di aver effettuato un letale doppio attentato dinamitardo a Gerusalemme lo scorso anno.

I militari hanno diffuso un video che ha ripreso gli ingegneri dell’Esercito che hanno perforato la casa di Eslam Froukh per posizionare gli esplosivi e, successivamente, la grande esplosione che ha fatto esplodere il primo piano dell’edificio di quattro piani.

L’IDF ha spiegato che durante la demolizione sono scoppiati scontri in diversi siti e i palestinesi hanno lanciato pietre, esplosivi e bombe incendiarie contro le truppe che hanno risposto con mezzi antisommossa e fuoco vivo.

Al momento non sono ancora disponibili dati certi sul numero delle vittime.

Durante gli scontri, il Ministero della Sanità dell’Autorità palestinese ha dichiarato che sei persone sono rimaste ferite, tra le quali un fotoreporter, Moumen Sumrein, colpito alla testa da un proiettile di gomma. L’uomo, per ora, riporta condizioni stabili. Tuttavia, i dettagli dell’incidente sono ancora in fase di revisione.

Il 23 novembre, il terrorista Eslam Froukh (26 anni) avrebbe fatto esplodere due bombe a due fermate dell’autobus vicino agli ingressi della Capitale. 

Gli attacchi hanno causato due vittime, Aryeh Schupak di 16 anni e Tadese Tashume Ben Ma’ada di 50 anni, oltre ad averne ferite più di 20.

Secondo lo Shin Bet, l’Agenzia di Intelligence per gli Affari Interni dello Stato di Israele, Eslam Froukh, residente a Kafr ‘Aqab (Gerusalemme est) e vissuto gran parte della sua vita nella zona di Ramallah, avrebbe commesso l’attacco a causa della sua affiliazione con lo Stato islamico e accusato, per questo motivo, nel mese di dicembre.

Già nel mese di gennaio, i militari avevano mappato le abitazioni di Kafr Aqab e Ramallah, il primo passo prima della loro potenziale demolizione e, a febbraio, la sua famiglia era stata formalmente informata dell’intenzione dell’IDF di radere al suolo la loro casa a Ramallah.

Per motivi politici, Israele demolisce regolarmente le case dei palestinesi accusati di aver compiuto attacchi terroristici mortali. 

Tale sistema è stato oggetto di accesi dibattiti anche all’interno dell’establishment della Sicurezza israeliana e gli attivisti per i diritti umani denunciano la pratica come un’ingiusta punizione collettiva.

Flavia De Michetti 

Contenuti correlati

Condividi

Condivi questo Articolo!