Processing

Se credi nella libera informazione, puoi!

  • EUR

Se credi nella libera informazione, puoi!

Home » Economia » Cereali e dintorni: Poche speranze di cambiamento di rotta

Cereali e dintorni: Poche speranze di cambiamento di rotta

da | Ott 26, 2022 | Economia

Il mercato nazionale cambia poco, quelli internazionali in altalena. Sino a primavera c’è poca da sperare sulla riduzione e sulla stabilità

A seguire le quotazioni serali del 25 ottobre 2022:

CHICAGO sera 25 ottobre

Prezzi 26 ottobre 2022 Borsa Chicago

Purtroppo, il mercato nazionale non cambia e in pillole è così rappresentabile:

Cereali: grano tenero stabile, duro in leggera ripresa, orzo al momento stabile, mais nazionale stabile, estero variegato: al porto, infatti, in base ai punti carico, alle qualità, alle garanzie il prezzo varia anche di 10€ ton. E’ analogo anche sull’arrivo camion: dall’estero in quanto alcune derivazioni seppur esitate come 5/4000 ai controlli spesso risultano fuori dai limiti contrattuali. 

Proteici: in rialzo diffuso. Del resto, la scarsità di farina di soya spinge in questo senso.

Fibrosi: sempre molto cari e ricercati, ormai c’è chi la fibra la cerca nella far girasole basso proteico! 

Buccette introvabili, fieni e disidratati con valori da Boutique. Sottoprodotti dell’industria molitoria in rialzo, stabili per ora i sottoprodotti della industria del Riso, dove però si sa che stanno lavorando poco mentre la richiesta di questi sottoprodotti è contesa su più fronti (zootecnico-mangimistico-bioenergetico). 

La situazione resta difficile, e non si intravedono possibilità di ridimensionamento salvo per ora nei consumi e negli scambi commerciali; infatti, anche chi ha la merce esita a offrirla sul mercato proprio a causa di questo diffuso senso di incertezza. 

Si ritiene che tale situazione accompagnerà gli operatori sino alla primavera del 2023, quando poi si riscontreranno esattamente i raccolti del Sud America, la guerra energetica dovrebbe contare di meno e i consumi saranno sufficientemente calati a tal punto da poter incidere sulla tendenza delle scorte mondiali. 

Continua la crisi di reperibilità dei mezzi su gomma, specie per i ricarichi al porto di Ravenna dove il tempo di attesa per il camion del mais superano le 6 ore, ma non in tutti i punti di carico. 

Ieri pizzicate posizioni di farina di soya sul 2023 con la proteica sui dodici mesi a 525€ ton.

Questa mattina la sorpresa è il cambio euro/dollaro 1:1… e speriamo che tenga!! 

INDICI INTERNAZIONALI 26 ottobre 2022

L’indice dei noli B.D.Y. è sceso a 1.797 punti, il petrolio wti è stabile a circa 85 $ al barile, il cambio €/$ gira a 1,0327 ore 10,02 

Indicatori 26 ottobre 2022

Mario Boggini e Virgilio

In collaborazione con: www.gazzettadellemilia.it

Contenuti correlati

Condividi

Condivi questo Articolo!