Processing

Se credi nella libera informazione, puoi!

  • EUR *

Se credi nella libera informazione, puoi!

Home » Economia » Cereali e dintorni: USDA, una bomba!

Cereali e dintorni: USDA, una bomba!

da | Gen 14, 2023 | Economia

Ora restiamo in attesa delle prime sedute mercatini per valutare le reazioni della seduta USDA del 12/1/23

Prezzi

Non è stata una bella seduta, piuttosto una “BOMBA USDA” in sintesi i motivi sono: 

PRODUZIONI E STOCK FINALI USA 2022/23: purtroppo, sotto le attese per corn/mais e soia seme, nelle attese per il grano          

STOCK USA AL 1/12/22: purtroppo, sotto le attese per corn/mais, grano e soia seme                                             

STOCK MONDO FINALI 2022/23: nelle attese per grano, poco sotto le attese per corn/mais, poco sopra le attese per soia seme    

ACREAGGIO GRANO INVERNALE USA: molto sopra le attese.                                                                                

SEMI SOYA: previsto Import Cina: da 98 a 96 MMT                                                                                                    

PRODUZIONE BRASILE poco aumentata a 153, quella ARGENTINA A 45,5 – AL DI SOTTO DELLE ATTESE ed è questo è il focus del problema                                                                                                  

GRANO: Invariata produzione Russia (91) invariato export (43) Invariata produzione EU (134,70) poco aumentato export (da 36 a 36,50) Invariata produzione Australia (36,6).                                                                    

CORN: Produzione EU invariata a 54,20 e Import invariato a 21,5; Import Cina invariati a 18 Export Ucraina aumentati da 17,5 a 20,50. Diminuita la produzione Argentina (da 55 a 52) e anche quella del Brasile (da 126 a 125) [i valori sono espressi in MMT] 

Ora aspettiamo qualche seduta mercantile per vedere le reazioni augurandoci più pacate e riflessive del mercato che dovrebbe registrare, per l ‘Argentina l’effetto meteo a breve medio termine e dovrebbe tornare favorevole; quindi, tra febbraio e marzo registrare un recupero delle produzioni che potrebbe verificarsi perché valori così alti sono deleteri per tutta la filiera.    

Indici Internazionali al 13 gennaio 2023

L’indice dei noli B.D.Y. è sceso a 976 punti, il petrolio wti è salito a circa 78 $ al barile, il cambio €/$ gira a 1,08451ore 08,09  .

Indici

Mario Boggini e Virgilio

In collaborazione con: www.gazzettadellemilia.it

Contenuti correlati

Condividi

Condivi questo Articolo!