Se credi nella libera informazione, puoi!

Home » Economia » La regione Emilia Romagna rimborsa le aziende per i contratti di tirocinio

La regione Emilia Romagna rimborsa le aziende per i contratti di tirocinio

da | Mag 10, 2022 | Economia

La misura è promossa dalla Regione Emilia-Romagna ed è contenuta nella DGR 466 del 28/03/2022 e  rientra tra le iniziative intraprese per incentivare lo strumento Garanzia Giovani, prorogato in Emilia-Romagna fino al 30/06/2022. 

Il programma si rivolge ai giovani under 30 che hanno assolto l’obbligo formativo, che non studiano, non lavorano e non sono inseriti in percorsi di tirocinio e/o di formazione, e prevede opportunità per acquisire nuove competenze e per entrare nel mercato del lavoro. 

REQUISITI PER ADERIRE ALLA GARANZIA GIOVANI: 

Possono aderire al programma Garanzia Giovani tutti i NEET (Not in Education, Employment or Training), ossia ragazzi e ragazze che non lavorano, non studiano e non si formano che risultino: 

  • Residenti in italia (ad esclusione della provincia autonoma di Bolzano) 
  • Avere un’età compresa tra i 15 ed i 29 anni; 
  • Essere non occupati; 
  • Non frequentare un corso di studi a qualsiasi livello; 
  • Non essere inseriti in percorsi di tirocini curriculeri e/o extra curriculari; 

In Emilia-Romagna le aziende che attivano dal 1 aprile 2022 un tirocinio attraverso il programma Garanzia Giovani possono richiedere il rimborso di una quota dell’indennità riconosciuta al tirocinante, fino ad un importo massimo di € 300 mensili. Il rimborso all’azienda per un tirocinio di 6 mesi potrà ammontare fino ad un massimo di € 1.800 mentre l’indennità minima mensile che le aziende devono riconoscere al tirocinante è di 450€.

L’avvio del tirocinio seguirà l’approvazione della pratica da parte della Regione con una tempistica di circa 45 gg. 

Mario Vacca

Articolo realizzato con la collaborazione della Payroll Specialist Srls – Sebastiano Messina

Contenuti correlati

Condividi

Condivi questo Articolo!