Se credi nella libera informazione, puoi!

Home » Italians » Giancarlo Casula: Ingegnere antropologo 

Giancarlo Casula: Ingegnere antropologo 

da | Ago 12, 2022 | Italians

Giancarlo è un professionista, ma soprattutto è profondo conoscitore della cultura barbaricina, quella di Desulo suo paese d’origine, dove ha realizzato un capolavoro d’arte, raccontando la cultura e la tradizione di quella immensa terra, attraverso gli abiti femminili dal 900 ad oggi. 

Il racconto di questi anni importanti, visti attraverso gli abiti locali, prende cuore in Giancarlo da quel fascino vero che puoi trovare, passeggiando in quel paese, negli sguardi profondi degli anziani, sempre pronti ad accogliere e raccontare la durezza di una vita semplice e normale, con i valori tradizionali, forse oggi, in gran parte dimenticati.

La passione con cui nel suo libro: “Desula storie di abiti e donne da raccontare al mondo” (Delfino Editore), Giancarlo Casula non l’ha avuta a caso.

Infatti, è il nipote del famoso poeta Antioco Casula, meglio noto come Montanaru, il celebre poeta in lingua sarda logudorese, il quale gli trasmette la passione di raccontare quella terra alta e dura, ma fortissima e granitica, unica come lo spettacolo che essa è in sè stessa.

L’evoluzione dell’abito di Desulo raccontata da Giancarlo, ti porta a conoscere gli antichi mestieri del passato, la storia di Desulo, la sua evoluzione dove, attraverso i ricami geometrici dell’abito tradizionale di Desulo rappresentano in realtà, in una parte di essi, simboli apotropaici.

L’abito viene raccontato quale veicolatore di messaggi, un linguaggio non verbale, ma potente e unico che racconta la storia di ogni singola donna.

Tramandare l’esperienza, la cultura e le storie delle donne di un paese, attraverso quello che indossavano è continuare a conoscere la storia di una terra ricca e fiera come la Sardegna e ha conservarne il suo vero patrimonio: le tradizioni.

Nel suo viaggio in mezzo a questi “modelli femminili” Giancarlo ha saputo raccontare tutta la sapienza e la storia tramandata delle abili donne che hanno “colpito” con la loro straordinaria bellezza ed eleganza, il vissuto di una comunità isolata.

La Sardegna è un “itinerario senza tempo” e Giancarlo Casula l’ingegnere antropologo, ci insegna che esiste una società profonda e unita e raccontata attraverso il ricamo, un codice di vita, una storia naturale. 

Andrea Caldart

Contenuti correlati

Condividi

Condivi questo Articolo!