Processing

Se credi nella libera informazione, puoi!

  • EUR

Se credi nella libera informazione, puoi!

Home » Attualità » Di Maio: Camaleontismo da aria fritta al gas

Di Maio: Camaleontismo da aria fritta al gas

da | Nov 20, 2022 | Attualità

L’Europa ha scelto, come avevano annunciato in altro articolo, il suo rappresentante per il Gas nel Golfo, nel nome di Luigi Di Maio.

Una scelta davvero “particolare” visti gli esordi politici dell’ex pentastellato, bocciato dal popolo italiano il 25 settembre con un sonoro 0,6%, recuperato dall’odiata Europa.

Fa davvero strano vedere un così preparato politico dover bighellonare come emissario dell’Europa, a sostenere quei valori che invece ha sempre disprezzato.

12.000 euro al mese tranquilli con tassazione agevolata europea, tutte le spese coperte, anche quelle dello staff.

“Giggino” ha fatto un bel salto di qualità, posando il suo sederino nel club esclusivo dell’élite che conta, quella che lui voleva sopprimere con la scatoletta di tonno.

Probabilmente il sapore di olio, preparato da zio Mario, ha un gusto ottimo, particolare, molto pregiato, tanto che, negli ambienti politici romani, i più maligni si chiedono quale sia stato il patto tra i due.

Quale patto?

Facile, aver fatto la scissione nei 5 stelle, cercando di far morire il movimento, che però, l’avvocato del popolo, a suon di reddito di cittadinanza, ha tenuto, per ora in piedi.

Una vera domanda invece sarebbe da porre proprio a lui, il “messia” “l’unto dei mercati” come mai abbia indicato proprio colui che insulta la sintassi e ignora i congiuntivi, per un ruolo di commissario.

A questa domanda non avremmo risposta a meno che, con un” movimento de panza”, sia mai che quell’olio alla fine non sia tanto buono.

Il finto populista Di Maio ha tracciato la sua traiettoria nella parabola discendente, compiendo un giro di 360° rimangiandosi tutto il contrario di tutto, genuflettendosi all’antisistema dell’Unione Europea.

Il camaleontismo di aria fritta dimostra solo i contenuti di una persona, incapace di avere un minimo di idea di fondo, figuriamoci di coerenza.

Ma tanto il popolo bue digerisce di tutto, l’importante appunto, non disturbargli  “la panza”.

Andrea Caldart

Link utili:

Contenuti correlati

Condividi

Condivi questo Articolo!