Se credi nella libera informazione, puoi!

Home » Economia » Economia, quattro proposte per salvare la ristorazione

Economia, quattro proposte per salvare la ristorazione

da | Dic 29, 2021 | Economia

È preoccupante il grido d’allarme giunto dal Movimento Imprese Italiane per segnalare la situazione del comparto Horeca (ristoranti, bar, pizzerie, pub). Ad aumentare la paura sono le restrizioni dovute alla variante Omicron, senza dimenticare la pandemia del Covid 19, ancora protagonista della vita sociale ed economica dell’Italia. Il governo faceva intendere, un anno fa circa, che il vaccino avrebbe riportato la normalità, mentre è stata sufficiente una variante per bloccare nuovamente un Paese. È pronta e immediata la reazione del Movimento Imprese Italiane, presentando quattro proposte al Governo per scongiurare il collasso del settore economico. 

Le proposte di MIO Italia

Entriamo nel dettaglio per conoscere le possibili soluzioni avanzate. «Nel primo provvedimento – si legge in un comunicato stampa di MIO Italia – domandiamo di prolungare nel 2022 le moratorie sui prestiti alle Pmi. Come secondo intervento vogliamo la reintroduzione del credito d’imposta sugli affitti dei locali. Il terzo suggerimento sono indennizzi veloci e a fondo perduto per coprire le perdite di dicembre 2021 e del primo trimestre 2022. Per ultima istanza chiediamo di portare l’Iva dal 10 al 5%».

Sono richieste che dovrà prendere in esame il governo guidato da Mario Draghi per cercare di alleviare le perdite del comparto economico Horeca, al fine di favorire una riresa graduale nel 2022. 

«Il Governo – incalza Paolo Bianchini – deve prendere atto che l’emergenza economica iniziata nel marzo del 2019 non è ancora terminata. Ristoranti, pizzerie, bar, pub e cocktail bar sono aperti. Nonostante tutto c’è ancora una preoccupante crisi economica nel comparto Horeca. La gente ha paura e salta il rito del caffè o dell’aperitivo. Preferisce il tampone al cenone. Natale è stato un deserto – conclude Paolo Bianchini – mentre per Capodanno il telefono squilla, ma solo per le disdette».

Francesco Fravolini  

Leggi anche  

Contenuti correlati

Condividi

Condivi questo Articolo!